Pisa - Storia del tifo

Pisa - Storia del tifo (Le tifoserie)

Pisa - Storia del tifo

PISA

NASCITA: 1975 (Ultras) 1979 (Angeli della Curva Nord, Rangers, Fighters)

GRUPPI PRINCIPALI ATTUALI: Sconvolts, Rangers, Kapovolti, Svitati

AMICIZIE: Viareggio, Sturm Graz, Karlsruher, Ambri Piotta - Genoa, Cosenza, Reggiana, Carrarese, Perugia

RIVALITÀ: Livorno, Fiorentina, Sampdoria, Spezia, Hellas Verona, Lazio, Lucchese, Massese, Empoli, Varese, Ascoli, Frosinone, Viterbes


L’attaccamento dei pisani per il Pisa è famoso per non essersi mai scalfito nonostante le continue delusioni societarie. Il primo gruppo che lascia una traccia indelebile nella storia del tifo pisano sono i “Rangers”, attivi fin dal 1979 ed ancora sulla breccia. Prima di questo gruppo, aveva fatto la sua comparsa la “Fossa” ma la sua storia è durata solo una manciata di anni. Fin dagli albori, il tifo della tifoseria nerazzurra ha avuto un impronta di sinistra al punto che il simbolo adottato sullo striscione dei Rangers è stato proprio il Che Guevara. I primi scontri di una certa importanza sono quelli contro livornesi e fiorentini, tifoserie che anche ai nostri giorni sono tra le più odiate dagli ultras pisani. Nel 1984 nascono gli “Sconvolts” altro gruppo che scriverà una pagina molto interessante della storia ultras a Pisa. Autori di belle coreografie e di esodi da ricordare, gli ultras nerazzurri, fin dagli albori, provocano molti incidenti: oltre che Livorno e Firenze, tra i nemici storici è giusto ricordare la tifoseria della Sampdoria, i lucchesi, gli ascolani, i veronesi e tante altre tifoserie, soprattutto quelle di destra. Rangers e Sconvolts hanno guidato, e guidano anche ai nostri giorni, la curva nord anche se tanti altri gruppi si sono avvicendati e hanno contribuito a rendere la curva nord una delle migliori del panorama ultras toscano. Da segnalare le tante iniziative antirazziste, così come le tante coreografie incentrate sul sociale, sull’antifascismo e sull’antirazzismo. Da segnalare i tanti striscioni, alcuni offensivi, altri di solidarietà che la curva nord ha esposto in questi anni. Attualmente la curva, intitolata a Maurizio Alberti giovane tifoso che ha perso la vita durante uno Spezia-Pisa, si ritrova dietro lo stendardo “Curva Nord” non avendo chiesto l’autorizzazione per l’esposizione degli storici striscioni. Molto impegnati ancora oggi politicamente e nel sociale, la lotta principale attualmente intrapresa è quella contro il calcio moderno e soprattutto contro la Tessera del Tifoso. Dopo anni divisi da differenti categorie, in questi ultimi anni sono stati giocati i derby con il Livorno, partite tesissime sia all’interno che all’esterno dello stadio, con incidenti, diffidati ma anche coreografie da ricordare e striscioni molto taglienti. Da segnalare l’odio cresciuto in queste ultime stagioni con la tifoseria lucchese, odio molto antico ma riaffiorato dopo alcuni derby veramente infuocati. Un capolinea importante di questa tifoseria si ha nel Settembre del 2016, quando la flangia rossocrociata viene colpita da quasi 90 DASPO che durano fino a 8 anni per gli scontri con i bresciani.

 


Sportpeople per Tifo Toscano

www.sportpeople.net

Torna su